venerdì 9 maggio 2014

Missione sul Baltico [Aubrey-Maturin #7]

SPOILER

Non so cosa altro potrei scrivere per esprimere il mio entusiasmo per questa serie. :D Sto divorando i libri uno dopo l'altro, senza mai un attimo di noia. Questo romanzo, inoltre, è davvero divertente, nonostante l'ansia tremenda per la missione di Stephen e l'angoscia per la prigionia; il merito è di Jagiello, un bellissimo maggiore lituano al servizio della Svezia. La sua interazione con Stephen è esilarante: sono entrambi totalmente fuori luogo a bordo dell'Ariel, goffi e decisamente d'intralcio. Eventi assolutamente degni di nota sono la partita a scacchi in cui Jagiello cerca di perdere per gentilezza nei confronti di Stephen e la scoperta del Bocconcino del gentiluomo. L'animo romantico di Jagiello è una garanzia anche durante la prigionia a Parigi e quasi mi dispiace per Madame Lehideux. :D
Le camicie non sventolarono più dalle sbarre e Jagiello non fece che cantare, suonare il flauto e mettersi in mostra tutto il giorno, esentato dal compito di spazzare, lavare il pavimento, pulire la tavola e le sedie; fu esentato da ogni compito tranne da quello di rendersi gradito; Jack e Stephen continuavano a tenersi fuori vista, ma, da quanto era dato loro di capire, Jagiello stava avendo un grande successo. A parte le missive quotidiane sempre più voluminose, i due comunicavano mostrandosi a vicenda le lettere di un alfabeto, cantando insieme e per mezzo di segni. Una conversazione laboriosa, che occupava la maggior parte delle ore diurne, e non si capiva come la giovane donna riuscisse a trovare il tempo di cucinare per loro e di occuparsi in modo così perfetto dei loro indumenti.
A parte Jagiello, l'attenzione è focalizzata quasi sempre su Stephen, anche se non si ha mai la sensazione che Jack venga messo da parte. O'Brian è stato davvero bravo a dosare i suoi due protagonisti. La differenza tra i due si riflette anche nella narrazione: Stephen è riflessivo, pensa e analizza molto e per questo è molto spesso voce narrante, mentre Jack è uomo d'azione, è pratico ed è spesso oggetto delle analisi e dei pensieri del dottore. Sono una coppia davvero ben assortita, anche se al di fuori dei rispettivi campi d'azione condividono un non so che di naif. Infine, spero che sia stata messa definitivamente la parola fine alle tribolazioni sentimentali di Stephen. :D

Nessun commento:

Posta un commento